Riso basmati speziato con melagrana

L’ingrediente di oggi è la Melagrana.

Il melograno (Punica granatum, L.) è una pianta della famiglia delle Punicaceae. Il frutto, ossia la melagrana, chiamato anche balausta, è globoso con buccia coriacea, composto dalle parti restanti del calice e da circa 600 piccoli semi (arilli) ravvicinati e protetti dalla polpa, un tegumento rosso-rosa succoso; i frutti maturano in settembre-ottobre.

Il frutto di melograno non contiene grassi, né proteine, ma ha una elevata quantità di zuccheri semplici; è ricco di potassio e fosforo e di vitamina A e C, utilissimi al nostro organismo.

COMPOSIZIONE CHIMICA E VALORE ENERGETICO PER 100g DI PARTE EDIBILE*
Acqua Carboidrati Fibra totale Energia Sodio Potassio Fosforo Vit. A Vit.C
g g g kcal mg mg mg (retinolo eq. microg) mg
80,5 15,9 2,2 63 7 290 10 15 8
*Tabelle di composizione degli alimenti (INRAN)

La ricetta che abbiamo scelto è Riso basmati con spezie e melagrana

Riso basmati spezie melagrana

Questo piatto è molto speziato, ma l’uso di spezie ci permette di ridurre o addirittura eliminare il consumo di sale da cucina. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di non introdurre più di 2 grammi di sodio con la dieta giornaliera.  Due grammi di sodio corrispondono a circa 5 grammi di sale da cucina, che sono all’incirca quelli contenuti in un cucchiaino da tè.

Ingredienti per 2 persone

150 g  di riso basmati

300 ml di brodo vegetale (no dado)

un cucchiaino di cannella

zafferano

20 g  mandorle pelate

1/2 melograno maturo

zenzero fresco o in polvere

la punta di un cucchiaino di miele

menta fresca

coriandolo fresco

Preparazione

In una padella fate tostare il riso basmati con un cucchiaino di olio, mescolate per qualche minuto, ed aggiungete lo zafferano e un pizzico di cannella, versate il brodo, e  portare ad ebollizione. Mantenete il fuoco basso per una decina di minuti, ossia fin quando il riso sarà tenero e il brodo quasi tutto assorbito.

Intanto, pulite la melagrana con la tecnica che ormai tutti conosciamo. L’abbiamo imparato qui, grazie a Piero, ma ci sono video più brevi e in italiano. Ne servirà solo mezza. Una volta sgranato mezzo frutto, una parte la userete per guarnire, mentre un’altra andrà nello schiacciapatate per estrarne il succo, dove poi aggiungerete un aglio schiacciato, dello zenzero (abbiamo trovato solo quello in polvere) e un cucchiaino di miele.  Mescolate.

Incorporate questo composto dentro al riso una volta cotto, mescolate, richiudete col coperchio e lasciate riposare per 1 – 2 minuti.

Unite la menta, il coriandolo, e le mandorle pelate e precedentemente tostate, ed infine i chicchi di melagrana che avete conservato interi.

Servite e buon appetito da Agata e Stefano.

Categorie: Uncategorized

Scarti di cavolfiore con quinoa, semi di lino e germogli di soia ed altro ancora

QUINOA

Scarti di cavolfiore con quinoa, semi di lino e germogli di soia

Tagliate la parte del gambo un po’ più dura e alcune foglie, quelle che di solito tutti scartano (ma noi no) e cuocetele a vapore. Cuocete la quinoa come di solito è scritto nelle indicazioni, mescolate il tutto con semi di lino spezzettati che contengono un elevato apporto di acidi grassi omega-3, olio EVO, curcuma e germogli di soia.

Invece volete fare una merenda alternativa? Allora abbiamo pensato a foglie di polenta speziata e guacamole.

Fate bollire l’acqua, mettete la polenta, e mescolate. Noi preferiamo non mettere il sale, ma abbondare di spezie come paprika e curry. Fate 
bollire l’acqua, versate la polenta, mescolate bene affinché non si attacchi alla pentola ,quando sarà ben amalgamata, toglietela dal fuoco e mettete le spezie. Ponete delle cucchiaiate di polenta sui fogli di carta forno che coprirete con altri fogli e col matterello cercate di stenderla, in modo da renderla sottile. una volta fatto, scopritele, cospargetele di semi di papavero e infornate per 20-30 minuti a 200°. fatele raffreddale, spezzatele e servite con il guacamole.

Ed ecco un’altra idea appetitosa per far mangiare le verdure ed i legumi a tutti. Tronchetto di hummus e verdure:

Create il tronchetto con farina integrale (350 g), acqua, farina di semi di lino (1 cucchiaio), semi di sesamo (2 cucchiai), curcuma (1 p
izzico), olio evo. Mescolate il tutto, quando non sarà più un composto appiccicoso, ma ben compatto, coprite e fate riposare per 20 minuti. Nel frattempo lavate le vostre verdure preferite (cipolla, lattuga, cavolo cappuccio, cetrioli, carote, pomodori) e tagliatele sottili sottili. Passati i 20 minuti, dividete l’impasto in 4 panetti, e stendeteli con il matterello, poneteli su una padella antiaderente. Quando saranno pronti, lasciateli raffreddare e riempiteli di hummus e verdura, arrotolateli, chiudeteli da un lato e Buon appetito.

Categorie: Uncategorized